library thing – comunicare con leggerezza

per qualche tempo ho provato ad usare library thing ma un po’ per il look-and-feel (purtroppo datato e poco attraente) e un po’ per la maggiore diffusione di altri siti ho lasciato perdere.

credo sia uno dei siti “meno” utilizzati tra quelli che propongono catalogazione e networking e, anche se la mission è diversa, parlando di meri numeri al momento dichiarano 1.737.000 membri, contro i 20 milioni di goodreads *

recentemente hanno dovuto cercare un persona che si occupasse di social media e mi ha colpito l’approccio e la comunicazione che hanno tenuto nel processo di recruiting.

ecco un lesto riepilogo:

1. pubblicano un post dove indicano le loro esigenze e il profilo della persona cercata

2. pubblicano un post di saluto e ringraziamento all’attuale “social media guy”

3. dopo la selezione pubblicano la presentazione dei due candidati scelti

4. pubblicano un post di ringraziamento a tutti quelli che hanno inviato una candidatura (700!)

il tutto rimbalzato sul profilo twitter e facebook

ad un primo impatto, verrebbe da pensare che non c’è niente di straordinario o innovativo.

e in effetti è così.

ma a pensarci bene …  io non vedo tante aziende (italiane) adottare questo approccio alla comunicazione riuscendo a mixare trasparenza, positività, serietà e professionalità, in particolare per ambiti “sensibili” come il recruiting.

peccato, perchè mi pare che questo piccolo esempio di library thing ci ricorda che tutto può essere comunicato, se con il tono giusto e avendo presente quali obiettivi si vogliono raggiungere.

Library Thing

* anobii ha 600.000 utenti (dato giugno 2012), ma considerando le ultime vicende e visto che il 57% dei visitatori proviene dall’italia (e presumibilmente anche la quota di utenti è analoga), fa un po’ storia a sé

Annunci

anobii – I want to believe (bachi a parte)

anobii ha appena recapitato una letterina per provare a rinsaldare vecchi rapporti con gli utenti inattivi (che immagino siano un bel po’, dopo l’ultima debacle)

Caro aNobiana/o …
Ciao! E’ da un po’ che non passi da aNobii. Ti scrivo per darti alcune buone notizie.

Al contrario di quello che era stato annunciato tempo fa, l’attuale sito di aNobii non verra’ sostituito da una nuova versione.

E’ stato pertanto deciso di dedicare nuove risorse al miglioramento della piattaforma corrente ed infatti, gia’ da un paio di settimane, abbiamo risolto alcuni importanti ‘bachi’ che creavano problemi da tempo:

– Abbiamo migliorato il supporto per la lingua usata per scrivere le recensioni
– Abbiamo aggiornato e migliorato i dati del UI italiani
– Abbiamo risolto alcuni problemi legati all’integrazione con Facebook e Twitter

Ci rallegra molto vedere come queste migliorie abbiano gia’ portato una netta crescita dell’ attivita’ su aNobii: solo nell’ultimo mese 374,917 libri sono stati aggiunti alle librerie personali e 20,936 libri sono stati recensiti e votati.

Non ci fermeremo qui visto che la lista di miglioramenti e bachi da risolvere e’ ancora lunga e se ti va di darci una mano te ne saremo grati!

Dai un’occhiata al sito e mandaci pure tutti i suggerimenti che vuoi.

Anobii
Buone letture!
Il team di aNobii

le considerazioni sarebbero tante … ma credo che le ultime confuse vicende (e-book, la gestione berlucchi, sainsbury’s, la versione beta, ecc…) e la conseguente fuga di utenti verso goodreads abbiano messo a dura prova la fiducia e la voglia di mettersi in gioco dei lettori.

comunque, spero che l’attuale team di anobii/sainsbury’s riesca a sistemare le tante cose che rendono deprimente la user experience e l’usabilità del sito.

oltre al debugging però credo sia utile riprendere a mano seriamente la comunicazione, per far viaggiare in parallelo i miglioramenti tecnici e la ripresa del contatto con gli utenti.

anche se forse ormai è troppo tardi.

il mistero di anobii e la fine di un amore

anobii è stato lanciato nel 2006 e credo di essermi iscritto quasi subito.

al tempo nacquero alcuni siti con funzionalità social dedicati ai libri, ma anobii si diffuse molto rapidamente in italia, che credo rappresenti ancora il suo “mercato” principale

anobii mi piaceva, lo consigliavo spesso e funzionava abbastanza bene, ad eccezione di qualche intoppo ogni tanto

le funzioni social erano discrete e il sito era un buon strumento per archiviare libri letti e wishlist, poi dev’essere successo qualcosa

non so bene cosa, ma:

– il sito si impallava sempre di più

– la comunicazione è stata trascurata (es. il blog [su tumblr…] è fermo al 2 maggio 2012)

– la versione beta è rimasta per mesi attiva contestualmente al sito “vecchio” senza un chiaro passaggio di consegne (ci si può ancora loggare separatamente in entrambi i siti)

– la nuova versione beta è principalmente incentrata sull’aspetto commerciale e ha messo in secondo (o terzo) piano la funzione di community e socializzazione

– l’immagine è stata rinnovata, ma il logo nuovo mi sembra davvero … buttato lì a caso

e su facebook campeggia un header imbarazzante, confuso, approssimativo

boh, forse la scelta di potenziare le funzionalità e-commerce hanno fatto “dimenticare” che anobii è principalmente una community e vive grazie alla passione degli utenti * che, nel frattempo, si sono buttati sulle alternative.

peccato.

*  lo spiega bene antonio tombolini di simplicissimus:

[…] unfair è a mio avviso incamerarsi – a questo punto a scopo di vendita diretta – gli utenti e i contenuti che hanno generato nel corso degli ultimi anni, confidando sul fatto che lo stavano facendo per condividere la loro passione per i libri, e non per alimentare gratuitamente chi ora ne fa un uso diretto commerciale.